Il progetto

Il Museo è ubicato nell'interrato della ricostruita Chiesa dove gia dal 1985 erano ospitate alcune opere collegate alla storia del Santuario e alla devozione popolare al Santo, ed alcune altre recuperate a seguito del sisma del 1976.
L'intervento trova motivazione nella necessità di collocare le cosidette "Opere Istriane". Patrimonio, per lo più pittorico, proveniente dall'ex Convento di sant'Anna in Capodistria.Per l'esposizione del patrimonio artistico Istriano è stato valorizzato l'intero impianto museale, senza con ciò rinunciare a nulla di quanto già precedentemente presente. Il percorso espositivo, recupera il vano gia adibito a cappella feriale (sala 2) e lo collega alle altre sale del Museo. Pochi nuovi elementi espositivi sono stati realizzati sia per esporre le Opere Istriane sia per valorizzare quanto precedentemente esposto. Un "vano" nicchia è stato realizzato per la quottrocentesca Madonnina Bella che attualmente domina la sala 3 e di fatto viene a trovarsi al centro del percorso di visita.E' stato realizzato anche il grande mobile centrale in sala 5, quasi una stanza all'interno della sala stessa. Il mobile contiene l'oreficeria del Santuario ed alcune opere di pregio provenienti dall'Istria. Il corridoio d'uscita, oggi sala 5, è stato reso parte integrante e fondamentale del percorso.
La scelta progettuale di fondo, per la maggiore resa delle opere esposte e quindi per il loro godimento. è data dall'illuminazione puntuale di ciascuna che di fatto "isola" ogni pittura dal contesto rendendone più facile e suggestiva la lettura in un ambiente che risulta rilassante e meditativo. 


Arch. Gianpaolo Della Marina

Link Utili

slide 2    ofm  

prova lonigo    prova liturgia

pop2    senza titolo-2 

senza titolo-6    compi